Come pulire gli occhi di un gatto in poche mosse

Condividi l’amore

I gatti sono molto attenti alla loro igiene, e raggiungono con la lingua punti impensabili del loro corpo, tutti tranne gli occhi. Può succedere che si formino secrezioni crostose negli angoli interni degli occhi del vostro gatto. Oltre ad essere antiestetiche, sono un sintomo di infezioni come la congiuntivite ed è quindi importante rimuoverle. Ecco come pulire gli occhi del tuo gatto in pochi semplici passi!

Pulizia degli occhi del gatto: cosa ti serve

Le secrezioni possono essere rimosse semplicemente usando impacchi di acqua e camomilla. Pertanto, il kit necessario per pulire gli occhi del gatto consiste in pochi articoli che sono, soprattutto, facilmente reperibili:

  • Acqua calda
  • Tisana di camomilla
  • Dischi di lana di cotone
  • Un asciugamano
  • Una ricompensa

Pulizia degli occhi del gatto, passo dopo passo

Prima di tutto, avvolgi il tuo gatto in un asciugamano, per “tenerlo fermo” e facilitare l’operazione. Accarezzatelo e coccolatelo per calmarlo. In secondo luogo, inumidite il dischetto di cotone con acqua o meglio ancora con l’infuso di camomilla – a media temperatura – e cominciate a pulire sia l’angolo interno dell’occhio, giù verso il naso, sia la parte esterna, strofinando molto delicatamente e avendo cura di fare movimenti lenti, premendo molto leggermente. Ai gatti non piace essere toccati in quella zona e quindi potrebbero spazientirsi. Cambia il disco quando pulisci l’altro occhio, per evitare che l’infezione si diffonda da un occhio all’altro. Dopo aver finito questo trattamento, puoi asciugare i suoi occhi con un panno e dare al tuo gatto una ricompensa.

Pulizia degli occhi del gatto: frequenza

Gli occhi del gatto devono essere puliti quotidianamente se si formano delle secrezioni crostose; se non si nota nulla di particolare, è sufficiente pulirli due volte a settimana, per mantenerli sani. Ricordiamo che, se le secrezioni non vengono eliminate, potrebbero ossidare il pelo del gatto e lasciare un segno permanente. È una buona idea abituare il gatto a questa operazione, a partire da quando è un gattino, il che renderà più facile convincerlo.

Se le secrezioni crostose sono accompagnate da gonfiore, forte lacrimazione e arrossamento dell’occhio, potrebbe trattarsi di congiuntivite. In questo caso, contatta il tuo veterinario, che saprà consigliarti il giusto trattamento necessario per sbarazzarti del problema!

Condividi l’amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.