Dismorfia muscolare: Uno su 10 uomini nelle palestre crede di avere la ‘bigorexia’

Questa è la storia di Pradeep

Si teme che uno su 10 uomini che si allenano nelle palestre del Regno Unito possa avere una condizione che può portare a depressione, abuso di steroidi e persino al suicidio.

La dismorfia muscolare, che è anche conosciuta come bigorexia, è un disturbo d’ansia che induce qualcuno a vedersi come piccolo, nonostante sia grande e muscoloso.

La condizione può colpire uomini e donne, ma un esperto ha suggerito che molti casi non vengono segnalati.

È talvolta descritto come una sorta di “anoressia inversa”.

Ottieni informazioni, aiuto e consigli sull’immagine del corpo.

‘Aumenta la pressione sugli uomini per sembrare muscolosi’

Rob Willson, presidente della Body Dysmorphic Disorder Foundation, ha detto: “Sappiamo che circa il 10% degli uomini in palestra può avere una dismorfia muscolare.”

Ritiene che la condizione sia un problema crescente, ma che molti casi potrebbero non essere diagnosticati perché c’è poca consapevolezza del disturbo.

“La dismorfia muscolare è una preoccupazione per l’idea che uno non è abbastanza grande, non è abbastanza muscoloso”, spiega.

“Ci sono migliaia e migliaia di persone che ne sono affette, che si preoccupano eccessivamente del loro aspetto, hanno una scarsa autostima e si sentono anche molto ansiosi e molto preoccupati.

“A volte gli individui possono diventare molto depressi e senza speranza e questo può anche portare al suicidio”, ha detto.

Ascolta Asian Network Reports alle 17:00 su Bigorexia: Addicted to Muscle

Cosa può causare la bigoressia?

Il signor Willson ha detto che gli uomini sono sempre più condizionati a pensare che devono avere un certo aspetto se vogliono sentirsi di successo, potenti e attraenti.

“Stiamo vedendo un aumento della pressione sugli uomini per apparire muscolosi, creare una forma a ‘V’ e avere un pacco da sei”, ha aggiunto.

La causa della bigoressia non è chiara. Il NHS afferma che può essere genetico o causato da uno squilibrio chimico nel cervello.

Le esperienze di vita possono anche essere un fattore, con bigorexia possibilmente più comune in persone che sono state vittime di bullismo o abuso come un bambino.

La storia di Adam

Adam Trice, 31 anni, di Shipley, West Yorkshire, era un bodybuilder dilettante e ha detto che era ossessionato dal diventare più grande.

Ha avuto una dismorfia muscolare e la sua ricerca del corpo “perfetto” significava che era costantemente in palestra e usava steroidi.

“Ho iniziato a 12 pietre, il mio obiettivo era 15, sono arrivato a 15, poi a 17, poi a 19, e sei sempre alla ricerca di qualcosa di diverso, l’obiettivo si sposta costantemente”, ha detto.

Adam ha finito per perdere il suo lavoro, la sua ragazza e la sua casa.

Ha detto che è diventato così depresso che ha cercato di togliersi la vita.

“Ero infelice; non avevo pace nella mia vita. Non stavo affrontando il mio problema e ho cercato di togliermi la vita. Ero in un posto davvero buio”, ha detto.

Adam è finito in ospedale e ha dovuto cercare un aiuto professionale.

“Ho fatto molta terapia, ho lavorato molto su me stesso e ho scoperto molto su di me. Ho imparato a piacermi”

L’uso di steroidi può essere un segno di bigoressia. Questi farmaci possono aumentare la crescita muscolare, ma c’è una lunga lista di effetti collaterali.

Questi includono la perdita di capelli, il restringimento dei testicoli e l’aumento del rischio di problemi al cuore e al fegato.

‘Non c’era modo di comunicare con lui’

Oli Loyne aveva 18 anni quando ha iniziato a prendere steroidi per diventare più grande.

Sua madre, Sarah, ha detto che la sua dismorfia muscolare potrebbe essere stata innescata da insicurezze sulla sua altezza.

“Aveva molto a che fare con il fatto che era così basso”, ha detto.

“Era circa 5’2″. Non aveva l’altezza e voleva rimediare essendo il più largo possibile.”

L’allenamento eccessivo di Oli e l’uso di steroidi ha portato a due attacchi di cuore e un ictus quando aveva 19 anni.

Moriva dopo aver avuto un terzo attacco di cuore quando aveva 20 anni.

“Non c’era proprio modo di comunicare con lui. Non c’era modo di fargli capire cosa stava facendo al suo corpo”, ha detto Sarah.

“Era come ‘Ho bisogno di apparire come l’immagine nella mia testa. Ho bisogno di sembrare grande.”

Segui @BBCNewsbeat su Twitter, BBCNewsbeat su Instagram, Radio1Newsbeat su YouTube e ora puoi seguire BBC_Newsbeat su Snapchat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.