Il motivo per cui sei bisognoso

Fonte: luxorphoto/DollarPhotoClub

Mi viene da ridere ogni volta che sento qualcuno dire: “Non mi piacciono le persone bisognose”. Come animale sociale, hai dei bisogni. La ragione per cui sei bisognoso è che i bisogni sociali alimentano la tua spinta a connetterti con gli altri e ad avere successo. Quando sei infastidito dall’apparente bisogno di qualcuno, è probabile che non ti piaccia il fatto che tu stesso desideri ardentemente che questo bisogno sia soddisfatto.

articolo continua dopo la pubblicità

In positivo, i tuoi bisogni sono i motori del tuo successo. Il mio bisogno di attenzione mi aiuta ad avere successo come scrittore, insegnante e oratore pubblico. Il mio bisogno di riconoscimento guida il mio desiderio di fare un buon lavoro. Il mio bisogno di controllo mi aiuta a prendere in mano i progetti e a gestire un’attività di successo.

I tuoi bisogni emergono dalla tua identità dell’ego, che si è formata in base a ciò che hai scoperto ti avrebbe aiutato a sopravvivere e a prosperare. Hai trovato ciò che potrebbe aiutarti ad essere visto e riconosciuto, o ciò che ti impedirebbe di distinguerti se ciò ti facesse sentire insicuro. Hai imparato in che cosa potevi essere bravo e che ti faceva sentire utile. Hai identificato quali limiti potevi superare, cosa ti ha portato gioia, e quali linee avresti o non avresti attraversato.

La tua identità è chi pensi di essere oggi, e ciò di cui pensi di aver bisogno dalle altre persone, come il rispetto, il riconoscimento, un senso di valore, il controllo, la prevedibilità, il piacere o l’indipendenza.

Nel lato ombra, il rifiuto o la violazione del tuo bisogno può innescare una serie di emozioni tra cui paura, rabbia, vendetta, delusione, frustrazione, tristezza ed eventualmente determinazione.

Le emozioni si innescano quando vuoi qualcosa di diverso da quello che hai percepito di avere da una persona o da un gruppo, o hai paura che quello che vuoi non si materializzi. Reagisci istantaneamente dicendo: “Questo non mi piace. Non lo voglio”. Oppure, “Voglio questo. Troverò un modo per ottenerlo. “

La tua mente sta sempre tramando per ottenere ciò di cui hai bisogno o per proteggerti da qualcuno che vuole portarti via il tuo bisogno. È anche occupata a inventare razionalizzazioni per spiegare le tue reazioni ai tuoi bisogni insoddisfatti.

l’articolo continua dopo la pubblicità

Pertanto, tu sei bisognoso. Io sono bisognoso. Tutti quelli che conosci sono bisognosi. Tutti vogliamo essere visti, capiti, sentirci curati e apprezzati per quello che offriamo. Ma questa realtà non deve controllare i tuoi sentimenti, pensieri e comportamenti. Puoi diventare il padrone dei tuoi bisogni invece di lasciare che ti controllino.

Il primo passo è notare le tue reazioni appena puoi. Riesci a sentire lo sbalzo nello stomaco, quando il tuo petto e il tuo respiro si contraggono, e il tuo bisogno di difenderti o di chiuderti? Cattura te stesso mentre giudichi e critichi gli altri, o provi vergogna o addirittura gongoli in reazione a ciò che sta accadendo.

Il tuo giudizio comparativo ti impedisce di vedere cosa puoi imparare da una situazione. Ti impedisce di avere conversazioni che potrebbero migliorare la tua vita. Le reazioni ai bisogni insoddisfatti ti impediscono di sentirti soddisfatto.

Come se stessi guardando un film, nota le tue reazioni con curiosità, rispetto e compassione. Ascolta il rumore nella tua testa. Il rumore è il tuo insegnante che ti aiuta a crescere.

Proprio come noteresti: “Ho fame”, “Ho sonno” o “Mi annoio”, puoi anche notare: “Sono ferito”, “Sono arrabbiato” e “Mi sento tradito”. Non cercare di sopprimere i tuoi sentimenti e pensieri; la soppressione ti spinge solo ad agire in modi che potrebbero fare ancora più male. Stai con le tue emozioni in modo da poter capire il bisogno insoddisfatto che le ha scatenate.

l’articolo continua dopo la pubblicità

Una volta notata la tua reazione, potresti discernere ciò di cui pensavi di aver bisogno e che non hai ottenuto, o ciò che temi di non ricevere. Quando scoprite i bisogni insoddisfatti o desiderati, potete scegliere cosa fare dopo. Ecco i passi:

  1. Nota la tua emozione (come gelosia/invidia, rabbia, paura, frustrazione, delusione, tristezza, vendetta)
  2. Scopri la fonte (il bisogno insoddisfatto o desiderato)
  3. Scegli:
  • Chiedi ciò di cui hai bisogno (es.Cioè, chiedi di essere ascoltato, per un piccolo riconoscimento, o di essere incluso in una decisione),
  • Ottieni il tuo bisogno soddisfatto altrove, o
  • Impara dall’esperienza per poter crescere (cosa vuoi sviluppare o accettare? Cosa si basa su una vecchia storia che non hai più bisogno di raccontare? O semplicemente lascia che sia – la sola consapevolezza potrebbe dissolvere la reazione).

Nessun umano è libero da queste reazioni. Quando sorge qualcosa, sii semplicemente con essa. Notalo. Impara da esso. Determina ciò che pensi di non aver ottenuto o di non voler ottenere, e poi trova un modo per soddisfare il tuo bisogno o lascia che la reazione si sciolga.

Se non aggiungi carburante alla tua agitazione, questa si indebolirà. La consapevolezza può portare alla pace della mente.

l’articolo continua dopo la pubblicità

A.H Almas dice nel suo libro, The Unfolding Now,1 “Mentre diventiamo più in sintonia con ciò che accade nella nostra esperienza, la nostra capacità di comprendere noi stessi a livelli sempre più sottili continua a svilupparsi.” Impari dai tuoi bisogni insoddisfatti invece di reagire alla violazione.
Infine, potresti trovare qualcun altro, un buon amico o un allenatore, che inizi questo lavoro con te. Il tuo ego spesso blocca l’auto-esplorazione. Per scuotere il tuo cervello, condividi questo post con qualcun altro con cui puoi essere onesto, vulnerabile e aperto.

I tuoi bisogni riempiono la tua vita di cose buone. Grazie ad essi, provi gioia e passione. Onora sia i tuoi bisogni che le tue reazioni quando sono minacciati come parte dell’essere umano. Col tempo, arriverai ad accettarti, divertirti e apprezzarti meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.