Inquinamento durante la rivoluzione industriale

Imagine via University Blog Spot, Creative Commons

L’America e l’Europa hanno introdotto processi di produzione avanzati durante il periodo della rivoluzione industriale. La maggior parte delle innovazioni tecnologiche ebbero origine in Gran Bretagna. Includevano macchine utensili, processi di produzione chimica e sistemi di fabbrica meccanizzati. L’industria tessile creò molte opportunità di lavoro. Ma molte persone non conoscono gli effetti negativi che la rivoluzione ebbe sull’ambiente. In questo post, discutiamo diverse forme di inquinamento che la rivoluzione industriale ha causato.

Inquinamento atmosferico

L’inquinamento atmosferico ha causato molti rischi per la salute in Gran Bretagna nel corso degli anni. Era nota per il suo mulino satanico durante l’epoca della rivoluzione industriale. Il carbone era la principale fonte di combustibile per la maggior parte delle fabbriche. Le famiglie in Gran Bretagna lo usavano nei loro camini. La Gran Bretagna emetteva nuvole scure di fumo che erano più di 50 volte più alte di prima della rivoluzione. Per esempio, lo smog ha coperto l’intera città di Londra nel 1952 e ha ucciso più di 4.000 persone in una settimana. Il paese non aveva alcun regolamento che controllasse l’uso del carbone.

Il governo non valutò gli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico nel paese. Gli storici dell’economia combinarono la quantità di carbone consumata da ogni industria con quella della forza lavoro. Questo li aiutò a determinare la quantità di carbone che ogni distretto bruciava. Le Midlands e il Galles del Sud avevano i più alti tassi di consumo di carbone. Il numero di persone che soffrivano di malattie respiratorie aumentò negli anni 1850.

La maggior parte dei pazienti erano bambini e anziani. Un aumento dell’uno per cento dell’intensità del carbone causò un aumento dell’uno per cento del numero di morti infantili. Il governo ha dovuto creare un ambiente sicuro necessario per stabilire i casinò online in tutto il mondo per le persone che giocano ai casinò.

Inquinamento dell’acqua

Prima e durante il periodo della rivoluzione industriale, molte persone consumavano acqua contaminata. Alcuni di loro hanno contratto il tifo e il colera. Un rapporto della CNN indica che un grammo di rifiuti umani contiene 100 uova di parassiti, 1.000 cisti di parassiti, 1 milione di batteri e 10 milioni di virus. L’inquinamento dell’acqua era comune durante la rivoluzione.

Molte fabbriche scaricavano i loro rifiuti nei fiumi. Per esempio, la quantità di rifiuti chimici nel fiume Cuyahoga aumentò e fece scoppiare il fiume in fiamme furiose. Ha mostrato come l’inquinamento industriale ha distrutto le risorse naturali negli Stati Uniti. La CNN ha riferito nel 2007 che le fabbriche scaricano grandi quantità di metalli pesanti, fanghi tossici e solventi nelle fonti d’acqua ogni anno. Le industrie dei paesi in via di sviluppo scaricano il 70% dei loro rifiuti in laghi e fiumi, secondo l’UNESCO.

Uno studio di Greenspace rivela che circa il 70% dei fiumi e dei laghi in Cina sono contaminati da rifiuti industriali. Costituiscono un pericolo per la salute di 300 milioni di persone che dipendono esclusivamente da queste forniture d’acqua.

Una ricerca della Groundwater Foundation mostra che più del 50 per cento degli americani beve acqua di falda. La maggior parte delle persone la usa per l’irrigazione delle colture. Il Congresso ha formato il Clean Water Act nel 1972 per controllare l’inquinamento dell’acqua. Le innovazioni tecnologiche hanno dato impulso all’economia dell’Europa e degli Stati Uniti durante la rivoluzione industriale. Anche così, hanno causato l’inquinamento dell’aria e dell’acqua. I camini domestici e le fabbriche producevano diversi agenti inquinanti che uccisero più di 4.000 abitanti di Londra. Re Edoardo I introdusse dure sanzioni per le persone che spesso bruciavano carbone marino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.