La malattia di Lyme una rara causa di morte: studio

Di Amy Norton, Reuters Health

6 Min Read

NEW YORK (Reuters Health) – Mentre la polemica fermenta ancora sugli effetti a lungo termine della malattia di Lyme, un nuovo studio del governo conclude che la malattia da zecca è raramente una causa di morte negli Stati Uniti.S.

Usando i record di morte raccolti da 45 Stati Uniti. stati, i ricercatori del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha scoperto che tra 1999 e 2003, c’erano 114 record elencando la malattia di Lyme come causa di morte.

Ma nella maggior parte dei casi, la malattia di Lyme è stato elencato come uno dei problemi di salute multipli che contribuiscono alla morte di una persona, e solo 23 record ha mostrato la malattia come la causa sottostante.

Di questi, gli investigatori dicono, solo uno era coerente con note “manifestazioni cliniche” della malattia di Lyme. In quel caso, la persona è morta di insufficienza respiratoria che il record di morte legato agli effetti a lungo termine sul sistema nervoso centrale.

I risultati, i ricercatori del CDC dicono, indicano che la malattia di Lyme “è rara come causa di morte negli Stati Uniti.”

Ma questa conclusione è improbabile che risolvere la controversia più ampia che circonda gli effetti a lungo termine della malattia di Lyme in alcune persone – che, alcuni medici e gruppi di pazienti dicono, fare includono gravi e talvolta fatali problemi di salute.

La malattia di Lyme è una infezione batterica trasmessa da alcune zecche. Il sintomo iniziale è più spesso un’eruzione cutanea gradualmente diffondendo “occhio di bue” presso il sito del morso di zecca.

Altri sintomi iniziali includono febbre, affaticamento, mal di testa e dolori muscolari e articolari. Senza trattamento precoce, l’infezione a volte può diffondersi entro giorni a settimane a diverse parti del corpo – causando sintomi come rigidità del collo, dolori di tiro da danni ai nervi, irregolarità del battito cardiaco e una perdita di tono muscolare nel viso chiamato paralisi di Bell.

Il CDC e principali gruppi medici dicono la maggior parte dei casi di malattia di Lyme può essere curato entro circa quattro settimane di antibiotici orali.

Alcune persone sviluppano problemi duraturi dopo l’infezione, a volte anche con il trattamento antibiotico.

Secondo il CDC, fino al cinque per cento delle persone non trattate hanno disturbi neurologici cronici come sparare dolore o intorpidimento, o problemi di memoria e concentrazione, mesi ad anni dopo. E una “piccola percentuale” di quelli trattati con antibiotici relazione sintomi che durano per mesi ad anni, compreso il dolore artrite, problemi di memoria e fatica.

Ma esattamente ciò che sta causando questi problemi non è chiaro.

Poi ci sono le persone che vengono diagnosticate con “cronica” malattia di Lyme basato su sintomi non specifici – come il dolore cronico e grave affaticamento – pur avendo alcuna prova di una infezione attuale o passato con il Lyme-causante batteri.

Questa diagnosi è molto controversa perché tali persone potrebbero avere uno qualsiasi di una serie di altri problemi di salute, come la depressione o fibromialgia, ei loro sintomi sono comuni nella popolazione generale.

Per quanto riguarda la letalità della malattia di Lyme, è plausibile che alcuni effetti documentati a lungo termine della malattia di Lyme potrebbe contribuire ad alcuni morti, secondo il Dr. Kevin S. Griffith del Centro nazionale del CDC per le malattie infettive emergenti e zoonotiche.

“Ma la realtà è che (malattia di Lyme) è stato solo raramente segnalato per portare alla morte,” Griffith ha detto in un’intervista. E sulla base di questo studio, ha osservato, anche i record di morte che fanno lista malattia di Lyme come causa spesso non stare in piedi a scrutinio.

Ma il dottor Robert Bransfield, presidente del non-profit International Lyme e Associated Diseases Society, ha preso in questione con i metodi di studio CDC – compreso il suo affidamento su ciò che i medici elenco sui record di morte.

“Non c’è stato alcun tentativo di identificare le morti da malattia di Lyme che possono essere stati identificati come una morte da qualche altra malattia,” ha detto Bransfield, il cui gruppo controverso sostiene che la malattia di Lyme cronica è un problema crescente, e che molte persone con l’infezione bisogno di corsi più lunghi di antibiotici per aiutare a prevenire.

“Non si può generalizzare da questo per dire che le morti per la malattia di Lyme sono rare,” ha detto.

Esattamente quante morti potrebbero essere attribuibili alla malattia di Lyme non è chiaro, secondo Bransfield. Ma ha sostenuto che il numero potrebbe essere “significativo,” se la questione è stata esaminata in modo più ampio.

Bransfield, uno psichiatra, ha detto che il suicidio può essere il modo principale che la malattia di Lyme può rivelarsi fatale. Egli ha riconosciuto, però, che questa convinzione è basata su prove aneddotiche, e c’è una mancanza di statistiche dure sulla malattia di Lyme e rischio di suicidio.

Bransfield ha anche notato che alcuni ricercatori hanno ipotizzato che l’infezione può in ultima analisi, contribuire a casi di demenza, sclerosi multipla e sclerosi laterale amiotrofica

(ALS).

C’è, tuttavia, nessuna prova di questo nella letteratura scientifica, Griffith ha detto.

Il rapporto CDC, Griffith ha sottolineato, non è destinato ad essere “sprezzante.”

“Incoraggiamo i medici a riferire su qualsiasi paziente che sospettano è morto a causa della malattia di Lyme,” ha detto.

Ha aggiunto che è importante per ottenere tali informazioni alla comunità medica in modo che le prove possono essere valutate.

“Mentre aneddoti sono convincenti, progresso scientifico deve essere basato su prove,” ha detto.

Si può fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.