Le migliori ore di trading sul Forex

Il momento ottimale per fare trading sul mercato forex (foreign exchange) è quando è ai suoi livelli più attivi – cioè quando gli spread di trading (le differenze tra i prezzi di domanda e offerta) tendono a ridursi. In queste situazioni, meno soldi vanno ai market maker che facilitano gli scambi di valuta, lasciando più soldi per i trader da intascare personalmente.

Le 4 maggiori borse del forex

Le quattro maggiori borse del forex si trovano a Londra, New York, Sydney e Tokyo. I trader del forex devono memorizzare gli orari, con particolare attenzione agli orari in cui due borse si sovrappongono. Quando più di una borsa è aperta simultaneamente, questo non solo aumenta il volume di trading, ma aggiunge anche la volatilità (la misura e il tasso con cui i prezzi delle azioni o delle valute cambiano). Entrambi questi fattori possono avvantaggiare i trader del forex.

Questo può sembrare paradossale. Dopo tutto, gli investitori generalmente temono la volatilità del mercato. Nel gioco del forex, tuttavia, una maggiore volatilità si traduce in maggiori opportunità di guadagno.

Orari dei mercati mondiali del forex

Ogni borsa è aperta settimanalmente dal lunedì al venerdì e ha orari di trading unici, ma dal punto di vista del trader medio, le quattro finestre temporali più importanti sono le seguenti (tutti gli orari sono indicati in Eastern Standard Time):

  • Londra: dalle 3 a.m. to 12 p.m. (mezzogiorno)
  • New York: 8 a.m. to 5 p.m.
  • Sydney: 5 p.m. to 2 a.m. (mezzanotte)
  • Tokyo: 7 p.m. to 4 a.m.

Mentre ogni borsa funziona in modo indipendente, tutte trattano le stesse valute. Di conseguenza, quando due borse sono aperte, il numero di commercianti che comprano e vendono attivamente una data valuta aumenta drammaticamente. Le offerte e le richieste in una borsa del mercato forex hanno un impatto immediato sulle offerte e le richieste in tutte le altre borse aperte, riducendo gli spread di mercato e aumentando la volatilità. Questo è certamente il caso nelle seguenti finestre:

  • 8 a.m. a mezzogiorno, con entrambe le borse di New York e Londra aperte
  • 7 p.m. a 2 a.m, con entrambe le borse di Tokyo e Sydney aperte
  • 3 a.m. alle 4 a.m., con entrambe le borse di Tokyo e Londra aperte

L’orario di trading più favorevole è la sovrapposizione delle 8 a.m. a mezzogiorno delle borse di New York e Londra. Questi due centri di trading rappresentano più del 50% di tutti gli scambi di forex. Sul rovescio della medaglia, dalle 17 alle 18, il trading avviene principalmente nelle borse di Singapore e Sydney, dove c’è molto meno volume che durante la finestra di Londra/New York.

Ci possono essere delle eccezioni, e il volume di trading previsto si basa sul presupposto che non vengano alla luce importanti sviluppi di notizie. Le crisi politiche o militari che si sviluppano durante le ore di trading altrimenti lente potrebbero potenzialmente aumentare la volatilità e il volume di trading.

Le ore di trading sul Forex ad alto volume non sempre si traducono in profitti

I commercianti di forex dovrebbero procedere con cautela perché le operazioni di valuta spesso comportano alti tassi di leva di 1000 a 1. Mentre questo rapporto offre allettanti opportunità di profitto, viene fornito con il rischio per l’investitore di perdere un intero investimento in una singola operazione. Uno studio Citibank del 2014 ha scoperto che solo il 30% dei trader di forex al dettaglio va in pari o meglio. È interessante notare che l’84% degli intervistati crede di poter fare soldi nel mercato del forex. Il risultato principale è che i nuovi investitori sul forex dovrebbero aprire conti con aziende che offrono piattaforme demo, che permettono loro di fare finte operazioni sul forex e contare guadagni e perdite immaginari. Una volta che gli investitori imparano le corde e diventano abbastanza esperti, allora possono tranquillamente iniziare a fare operazioni reali.

La bilancia non fornisce servizi e consigli fiscali, di investimento o finanziari. Le informazioni sono presentate senza considerare gli obiettivi di investimento, la tolleranza al rischio o le circostanze finanziarie di qualsiasi investitore specifico e potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. La performance passata non è indicativa di risultati futuri. L’investimento comporta dei rischi, compresa la possibile perdita del capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.