Per i genitori dei ritardatari, la pazienza può essere una lezione che vale l’attesa

Si scopre che i ritardatari potrebbero avere l’ultima parola, dopo tutto.

Un nuovo studio trova che i bambini che parlano più tardi della media non sono più a rischio di problemi comportamentali ed emotivi dei bambini che erano più espressivi all’inizio.

I risultati sono probabilmente un sospiro di sollievo per i genitori di ritardatari. Ma non significa che smetteranno di preoccuparsi dei ritardi nel parlare dei loro figli.

Abbiamo chiesto alle lettrici di TODAY Moms di condividere sulla nostra pagina Facebook le storie dei loro figli che parlano tardi e come hanno gestito la situazione. Siamo stati inondati di aneddoti, da persone che hanno cercato una terapia del linguaggio a persone che hanno pazientemente aspettato che le parole arrivassero. E in molti casi, sono arrivate.

Il figlio di Taryn Millas Homick aveva 2 anni e non diceva molte parole.

“Stavo diventando molto nervoso. A quel punto il medico non era troppo preoccupato, ma non era contrario a fare riferimento all’Intervento Precoce se lo volevo. Ho aspettato a decidere. A 2 anni e mezzo stava davvero facendo dei buoni progressi e a 3 anni parlava esattamente come avrebbe dovuto per quell’età.”

Il secondo figlio di Ambrosia Low era un parlatore tardivo che balbettava senza sosta e aveva il fratello maggiore come traduttore.

Abbiamo iniziato a cercare aiuto e quando abbiamo messo in piedi una terapia privata, improvvisamente ha iniziato a parlare frasi complete e chiare!

Dei cinque figli di Nancy Shehata, il suo secondo balbettava fin da piccolo, ma era completamente incomprensibile.

“Solo dopo i tre anni ha cominciato a parlare parole e frasi complete, e ora è totalmente al livello delle elementari e si esprime bene.”

Per Brandi Roberts, la logopedia si è rivelata una manna dal cielo per sua figlia che parlava tardi. Aveva 2 anni e ha iniziato con tre o quattro parole.

“Ora 6 mesi dopo può dire ben oltre 200 parole”, dice Roberts, che aggiunge che sua figlia può anche firmare la maggior parte delle parole che ora vede. “Aspetto sempre con ansia il domani solo per vedere e sentire quale nuova cosa farà dopo! Sono così orgogliosa della mia bambina!”

Quando il figlio di Martha Mehegan ha mostrato segni di ritardo nel parlare, lo hanno fatto controllare da un pediatra che non ha trovato alcun ritardo nello sviluppo.

“Ci ha consigliato di leggere molti libri con lui, praticare i suoni degli animali con lui e includerlo in più conversazioni possibili. Sicuramente, negli ultimi mesi, ha imparato più di 60 parole!” scrive Mehegan. “Proprio come alcuni bambini camminano prima di altri, i bambini iniziano a parlare al loro ritmo. I genitori dovrebbero tenere a mente che lo sviluppo verbale è solo un pezzo del puzzle generale dell’intelligenza.”

Come molti genitori, Amanda Kirby era preoccupata per il suo secondo figlio che parlava tardi, ma ha capito che lo stava erroneamente paragonando al suo primo figlio, che “parlava e metteva insieme frasi in modo ridicolo presto”. Il suo secondo figlio “ora ha 10 anni e non sta zitto, LOL. Penso che se qualcuno è davvero preoccupato dovrebbe parlare con il proprio medico, ma non impazzire ancora.”

Il tuo bambino ha parlato tardi? Condividi le tue esperienze e le lezioni per gli altri genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.